Favola Pole Calcio: piccola realtà nata in una cantina, oggi vanta più di 1000 supporters

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

— ACQUALAGNA

Allenarsi in un campo agricolo delle dimensioni leggermente più grandi di un campo di calcetto e come spogliatoi avere un container di fortuna ricavato grazie al sacrificio e alla voglia di fare dei dirigenti. Riuscire in queste condizioni avverse a ‘sputare il sangue’ ogni sabato e vivere di entusiasmo: una squadra che definire favola calcistica non è un azzardo.

È la bella storia delle Pole Calcio, che oltre i risultati fa innamorare per quello spirito autentico, vero e romantico del pallone di provincia, fatto di passione e giocatori pronti ad andare in guerra per la maglia. L’A.S.D. Pole Calcio, nata 4 anni fa in una cantina, ha già battuto tutti i record di spettatori per un campionato dilettantistico. E non parliamo di Seconda categoria, dove milita oggi, ma anche di campionati di categoria superiore, riuscendo addirittura a riempire lo stadio con 1.000 persone più di una volta. «I nostri ragazzi e i nostri dirigenti sono davvero persone speciali – racconta il ds Mirco Rossi – Nonostante le evidenti difficoltà, ogni giorno spingono la nostra piccola realtà più in alto, dando il cuore per questa maglia che è davvero magica». 

Come risolvete le difficoltà logistiche? 
“Ci arrangiamo. Diamo l’’anima anche se ci alleniamo in un campo agricolo, a volte direttamente in strada, ma il sabato voliamo perché le difficoltà ci temprano e ci rendono più uniti”. 

Siete partiti dalla Terza categoria, avete battuto il record di spettatori dei campionati dilettanti: dove volete arrivare? 
“Il nostro obiettivo è mantenere alto l’’entusiasmo che ci circonda, non è facile avere un gruppo e una società così unita. Vedo troppo spesso nelle altre squadre gente senza voglia, che fa questo sport in queste categorie per soldi. Ecco, da noi nessuno prende un euro, e ti assicuro che abbiamo giocatori che prenderebbero soldi in qualsiasi squadra”. 

Ma qual è il segreto? 
“Siamo contagiosi. La gente vede in noi la gioia del calcio e dello stare insieme, incarniamo il vero spirito di questo sport, che va oltre il risultato ed è per questo che ogni settimana ricevo chiamate da persone che si vogliono unire a noi: giocatori, allenatori e dirigenti: ci dà enormemente piacere”. 

E il futuro come lo immagina? 
“Puntiamo ad avere un campo da gioco nostro per poterci sviluppare: realizzandolo potremmo pensare di crescere giovani polesi e dare un futuro a questa bellissima realtà”. 
Prima della partita a Pole le case si svuotano: non c’’è giovane, anziano, donna, uomo, che non va a fare il tifo per i propri colori. 

LO STAFF – Presidente: Roberto Falasconi. Allenatore: Stefano Scardacchi, diesse Mirco Rossi. Dirigenti: Filippo Pulci, Francesco Barbieri, Luca Dormi. Segretario: Alessio Iodio.

 

FONTE: Il Resto del Carlino

© TRC - RIPRODUZIONE RISERVATA

Per la tua pubblicità qui: commerciale@trcarpegna.net

Potrebbero interessarti anche...

EnglishItalianoEspañol