Cantiano: in dieci mesi dal 35% al 77% di raccolta differenziata in più. Marche Multiservizi: «È un modello da imitare!»

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

CANTIANO  –  Un incremento della raccolta differenziata del 40% in 10 mesi, toccando quota 77%. Questi sono i dati comunicati dall’azienda Marche Multiservizi che vuole esportare il ”modello Cantiano” nel resto della provincia di Pesaro-Urbino per la gestione della raccolta. L’azienda di servizi di via dei Canonici ha presentato oggi i risultati ottenuti nel comune di Cantiano nel 2016, grazie al passaggio dalla raccolta di prossimità al porta a porta esclusivamente per la frazione secca. Nel piccolo Comune che confina con l’Umbria, a gennaio la raccolta differenziata aveva raggiunto il 35% mentre a novembre ha superato, appunto, il 77%.

 «Sul tema dei rifiuti urbani i cittadini di Cantiano stanno acquisendo una maggiore e più diffusa consapevolezza – spiega il sindaco Alessandro Piccini  A gennaio eravamo agli ultimi posti, mentre ora abbiamo ottenuto un risultato straordinario grazie al gestore del servizio e a tutta la comunità».

Il nuovo modello di raccolta prevede, per la sola frazione secca dell”indifferenziato, il passaggio dai cassonetti alla raccolta porta a porta. «Io stesso – racconta il primo cittadino Piccini – nella fase iniziale sono andato a distribuire a casa della gente i bidoncini per la raccolta domiciliare della frazione secca». E l’ottimo risultato ottenuto a Cantiano, già sperimentato a Mercatello sul Metauro e in altri piccoli Comuni, ha spinto l’azienda di servizi pesarese, che gestisce anche lo smaltimento rifiuti in 40 Comuni della provincia di Pesaro Urbino, ad esportare il modello Cantiano.

«L’azienda è molto soddisfatta dei risultati raggiunti – spiega Massimo Galuzzi, presidente di Marche Multiservizi S.pA. – Siamo intorno al 57% di raccolta differenziata nei Comuni di nostra competenza. Vogliamo alzare ulteriormente il livello e, per farlo, nel 2017 introdurremo il porta a porta per il secco anche negli altri Comuni». Secondo l”amministratore delegato della Multiservizi, Mauro Tiviroli, «occorre proseguire nel percorso di gestione eco-compatibile del ciclo integrato dei rifiuti a costi sostenibili».

© TRC - RIPRODUZIONE RISERVATA

Per la tua pubblicità qui: commerciale@trcarpegna.net

Potrebbero interessarti anche...

EnglishItalianoEspañol